DMCA sulla privacy

T HE D IGITAL M ILLENNIUM C OPYRIGHT UN CT OF 1998 Riepilogo del Copyright Office degli Stati Uniti

Dicembre 1998

io NTRODUZIONE

Il Digital Millennium Copyright Act (DMCA) 1 è stata convertita in legge dal presidente Clinton il 28 ottobre 1998. La legislazione implementa due trattati del 1996 dell'Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (OMPI): il trattato sul copyright dell'OMPI e il trattato sulle rappresentazioni e sui fonogrammi dell'OMPI. Il DMCA affronta anche una serie di altri importanti problemi relativi al copyright.

Il DMCA è suddiviso in cinque titoli:

  • ! Titolo I, il " Legge sull'attuazione dei trattati dell'OMPI su copyright e spettacoli e fonogrammi del 1998 , "Attua i trattati dell'OMPI.

  • ! Titolo II, il " Legge sulla limitazione della responsabilità per violazione del copyright online , "Crea limitazioni alla responsabilità dei fornitori di servizi online per la violazione del copyright quando sono impegnati in determinati tipi di attività.

  • ! Titolo III, il " Legge sulla garanzia della concorrenza per la manutenzione dei computer , "Crea un'esenzione per la creazione di una copia di un programma per computer attivando un computer a scopo di manutenzione o riparazione.

  • ! Il titolo IV ne contiene sei disposizioni varie , relative alle funzioni del Copyright Office, alla formazione a distanza, alle eccezioni nel Copyright Act per le biblioteche e per la realizzazione di registrazioni temporanee, il "webcasting" di registrazioni sonore su Internet e l'applicabilità degli obblighi contrattuali collettivi in caso di trasferimenti dei diritti sulle immagini in movimento.

  • ! Titolo V, il " Legge sulla protezione del progetto dello scafo della nave , "Crea una nuova forma di protezione per il design degli scafi delle navi.

    Questo memorandum riassume brevemente ogni titolo del DMCA. Fornisce semplicemente una panoramica delle disposizioni di legge; per motivi di lunghezza e leggibilità è stata omessa una quantità significativa di dettagli. Una completa comprensione di qualsiasi disposizione del DMCA richiede il riferimento al testo della legislazione stessa.

    1 Pub. L. No. 105-304, 112 Stat. 2860 (28 ottobre 1998).

    Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 1

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

T ITLE I: WIPO T REATY io REALIZZAZIONE

Il titolo I attua i trattati dell'OMPI. In primo luogo, apporta alcune modifiche tecniche alla legge statunitense, al fine di fornire riferimenti e collegamenti appropriati ai trattati. In secondo luogo, crea due nuovi divieti nel titolo 17 del codice degli Stati Uniti - uno sull'elusione delle misure tecnologiche utilizzate dai proprietari del copyright per proteggere le loro opere e uno sulla manomissione delle informazioni di gestione del copyright - e aggiunge rimedi civili e sanzioni penali per la violazione dei divieti. Inoltre, il titolo I richiede allo US Copyright Office di eseguire due studi congiunti con la National Telecommunications and Information Administration del Dipartimento del Commercio (NTIA).

Modifiche tecniche

Idoneità nazionale

Il Trattato sul diritto d'autore dell'OMPI (WCT) e il Trattato sulle rappresentazioni e sui fonogrammi dell'OMPI (WPPT) richiedono ciascuno ai paesi membri di fornire protezione a determinate opere di altri paesi membri o create da cittadini di altri paesi membri. Tale protezione non deve essere meno favorevole di quella accordata ai lavori domestici.

La sezione 104 del Copyright Act stabilisce le condizioni di idoneità alla protezione ai sensi della legge statunitense per le opere di altri paesi. La sezione 102 (b) del DMCA modifica la sezione 104 del Copyright Act e aggiunge nuove definizioni alla sezione 101 del Copyright Act al fine di estendere la protezione della legge statunitense a quelle opere che devono essere protette ai sensi del WCT e del WPPT.

Ripristino della protezione del copyright

Entrambi i trattati richiedono alle parti di proteggere le opere preesistenti di altri paesi membri che non sono diventate di dominio pubblico nel paese di origine fino alla scadenza del termine di protezione. Un obbligo simile è contenuto sia nella Convenzione di Berna che nell'Accordo TRIPS. Nel 1995 questo obbligo è stato implementato nell'Uruguay Round Agreements Act, creando una nuova sezione 104A nel Copyright Act per ripristinare la protezione delle opere di Berna o dei paesi membri dell'OMC che sono ancora protette nel paese di origine, ma sono diventate pubbliche. dominio negli Stati Uniti in passato a causa del mancato rispetto delle formalità allora previste dalla legge statunitense o per la mancanza di rapporti con i trattati. La sezione 102 (c) del DMCA modifica la sezione 104A per ripristinare la protezione del copyright nelle stesse circostanze alle opere dei paesi membri del WCT e del WPPT.

Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 2

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

Registrazione come prerequisito per l'adattamento

La restante modifica tecnica riguarda il divieto in entrambi i trattati di condizionare l'esercizio o il godimento dei diritti sull'adempimento delle formalità. La sezione 411 (a) del Copyright Act richiede che le rivendicazioni sul copyright siano registrate presso il Copyright Office prima che una causa possa essere avviata dal proprietario del copyright, ma esenta molte opere straniere al fine di rispettare gli obblighi del trattato esistenti ai sensi della Convenzione di Berna. La sezione 102 (d) del DMCA modifica la sezione 411 (a) ampliando l'esenzione a tutte le opere straniere.

Protezione tecnologica e sistemi di gestione dei diritti d'autore

Ciascuno dei trattati dell'OMPI contiene un linguaggio praticamente identico che obbliga gli Stati membri a prevenire l'elusione delle misure tecnologiche utilizzate per proteggere le opere protette da copyright e a prevenire la manomissione dell'integrità delle informazioni di gestione del copyright. Questi obblighi servono come aggiunte tecnologiche ai diritti esclusivi concessi dalla legge sul diritto d'autore. Forniscono una protezione legale che la comunità internazionale del copyright ha ritenuto fondamentale per lo sfruttamento sicuro ed efficiente delle opere sulle reti digitali.

Elusione delle misure di protezione tecnologica

Approccio generale

L'articolo 11 del WCT afferma:

Le Parti contraenti forniscono un'adeguata protezione giuridica e rimedi legali efficaci contro l'elusione di misure tecnologiche efficaci che sono utilizzate dagli autori in connessione con l'esercizio dei loro diritti ai sensi del presente Trattato o della Convenzione di Berna e che limitano gli atti, in relazione a le loro opere, che non sono autorizzate dagli autori interessati o consentite dalla legge.

L'articolo 18 del WPPT contiene un linguaggio quasi identico.

La sezione 103 del DMCA aggiunge un nuovo capitolo 12 al titolo 17 del codice degli Stati Uniti. La nuova sezione 1201 implementa l'obbligo di fornire una protezione adeguata ed efficace contro l'elusione delle misure tecnologiche utilizzate dai proprietari dei diritti d'autore per proteggere le loro opere.

Sezione1201dividuemisure tecnologiche in due categorie: misure che impediscono non autorizzate accesso a un'opera protetta da copyright e misure che impediscono

Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 3

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

non autorizzato copia 2 di opere protette da copyright. Realizzare o vendere dispositivi o servizi utilizzati per aggirare entrambe le categorie di misure tecnologiche è vietato in determinate circostanze, descritte di seguito. Quanto all'atto di elusione in sé, la disposizione vieta di eludere la prima categoria di misure tecnologiche, ma non la seconda.

Questa distinzione è stata utilizzata per assicurare che il pubblico abbia la capacità continua di fare un uso corretto delle opere protette da copyright. Poiché la copia di un'opera può essere un uso corretto in circostanze appropriate, la sezione 1201 non proibisce l'atto di aggirare una misura tecnologica che impedisce la copia. Al contrario, poiché la dottrina del fair use non è una difesa contro l'atto di ottenere l'accesso non autorizzato a un'opera, è vietato aggirare una misura tecnologica per ottenere l'accesso.

La Sezione 1201 vieta dispositivi o servizi che rientrano in una delle seguenti tre categorie:

  • ! sono progettati o prodotti principalmente per aggirare;

  • ! hanno solo uno scopo commercialmente significativo o un altro uso limitato

    che aggirare; o

  • ! sono commercializzati per essere utilizzati nell'elusione.

    Nessun mandato

    La sezione 1201 contiene un linguaggio che chiarisce che il divieto di dispositivi di elusione non richiede ai produttori di elettronica di consumo, telecomunicazioni o apparecchiature informatiche di progettare i loro prodotti in modo affermativo per rispondere a qualsiasi misura tecnologica particolare. (Sezione 1201 (c) (3)). Nonostante questa regola generale `` nessun mandato '', la sezione 1201 (k) impone una risposta affermativa per un particolare tipo di tecnologia: entro 18 mesi dall'entrata in vigore, tutti i registratori di videocassette analogici devono essere progettati per essere conformi a determinate tecnologie definite, comunemente note come Macrovision , attualmente in uso per impedire la copia non autorizzata di videocassette analogiche e di alcuni segnali analogici. La disposizione vieta ai titolari dei diritti di applicare queste tecnologie specifiche alla televisione gratuita e alle trasmissioni via cavo di base ed estese di livello base.

    2 "Copiare" è usato in questo contesto come una scorciatoia per l'esercizio di uno qualsiasi dei diritti di esclusione da una sezione autore106della legge sul copyright. Di conseguenza, una misura tecnologica che impedisce la distribuzione non autorizzata o l'esecuzione pubblica di un'opera rientrerebbe in questa seconda categoria.

    Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 4

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

Clausole di risparmio

La sezione 1201 contiene due clausole generali di risparmio. In primo luogo, la sezione 1201 (c) (1) afferma che nulla nella sezione 1201 influisce sui diritti, i rimedi, le limitazioni o le difese alla violazione del copyright, incluso il fair use. In secondo luogo, la sezione 1201 (c) (2) afferma che nulla nella sezione 1201 amplia o riduce la violazione del copyright indiretta o contributiva.

Eccezioni

Infine, i divieti contenuti nella sezione 1201 sono soggetti a una serie di eccezioni. Uno è un'eccezione al funzionamento dell'intera sezione, per le forze dell'ordine, l'intelligence e altre attività governative. (Sezione 1201 (e)). Gli altri si riferiscono alla sezione 1201 (a), la disposizione relativa alla categoria delle misure tecnologiche che controllano l'accesso alle opere.

La più ampia di queste eccezioni, la sezione 1201 (a) (1) (B) - (E), stabilisce un procedimento amministrativo in corso per la definizione delle regole per valutare l'impatto del divieto contro l'atto di aggirare tali misure di controllo dell'accesso. Questo divieto di condotta non ha effetto per due anni. Una volta che lo fa, è soggetto a un'eccezione per gli utenti di un'opera che si trova in una particolare classe di opere se sono o rischiano di essere influenzati negativamente in virtù del divieto di fare usi non lesivi. L'applicabilità dell'esenzione è determinata attraverso una periodica regolamentazione da parte del Bibliotecario del Congresso, su raccomandazione del Registro dei diritti d'autore, che deve consultare il Segretario aggiunto del Commercio per le comunicazioni e l'informazione.

Le sei eccezioni aggiuntive sono le seguenti:

  1. Eccezione per biblioteca, archivio e istituto scolastico senza scopo di lucro (sezione 1201 (d)). Il divieto dell'atto di elusione delle misure di controllo dell'accesso è soggetto a un'eccezione che consente alle biblioteche, agli archivi e alle istituzioni educative senza scopo di lucro di aggirare il problema al solo scopo di determinare in buona fede se desiderano ottenere l'accesso autorizzato all'opera.

  2. Reverse engineering (sezione 1201 (f)). Questa eccezione consente l'elusione e lo sviluppo di mezzi tecnologici per tale elusione da parte di una persona che ha legittimamente ottenuto il diritto di utilizzare una copia di un programma per computer al solo scopo di identificare e analizzare elementi del programma necessari per ottenere l'interoperabilità con altri programmi, nella misura in cui tali atti sono consentiti dalla legge sul copyright.

  3. Ricerca sulla crittografia (sezione 1201 (g)). Un'eccezione per la ricerca sulla crittografia consente l'elusione delle misure di controllo dell'accesso e il

Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 5

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

sviluppo dei mezzi tecnologici per farlo, al fine di identificare

difetti e vulnerabilità delle tecnologie di crittografia.

  1. Tutela dei minori (sezione 1201 (h)). Questa eccezione consente a un tribunale che applica il divieto a un componente o parte di considerare la necessità della sua incorporazione nella tecnologia che impedisce l'accesso a

    minori a materiale su Internet.

  2. Privacy personale (sezione 1201 (i)). Questa eccezione consente di aggirare

    quando la misura tecnologica, o l'opera che protegge, è in grado di raccogliere o diffondere informazioni di identificazione personale sulle attività in linea di una persona fisica.

  3. Test di sicurezza (sezione 1201 (j)). Questa eccezione consente l'elusione delle misure di controllo dell'accesso e lo sviluppo di mezzi tecnologici per tale elusione, allo scopo di testare la sicurezza di un computer, sistema informatico o rete informatica, con l'autorizzazione del suo proprietario o operatore.

Ciascuna delle eccezioni ha una propria serie di condizioni sulla sua applicabilità, che esulano dallo scopo di questa sintesi.

Integrità delle informazioni sulla gestione del copyright

L'articolo 12 del WCT prevede nella parte pertinente:

Le Parti contraenti devono fornire rimedi legali adeguati ed efficaci contro qualsiasi persona che compia consapevolmente uno dei seguenti atti sapendo, o in relazione a rimedi civili che abbiano ragionevoli motivi per sapere, che ciò indurrà, consentirà, faciliterà o nasconderà una violazione di qualsiasi diritto coperti dal presente Trattato o dalla Convenzione di Berna:

(i) rimuovere o alterare qualsiasi informazione elettronica sulla gestione dei diritti senza autorizzazione;

(ii) distribuire, importare per la distribuzione, trasmettere o comunicare al pubblico, senza autorizzazione, opere o copie di opere sapendo che le informazioni elettroniche sulla gestione dei diritti sono state rimosse o alterate senza autorizzazione.

L'articolo 19 del WPPT contiene un linguaggio quasi identico.

La nuova sezione 1202 è la disposizione che implementa questo obbligo di proteggere l'integrità delle informazioni sulla gestione del copyright (CMI). L'ambito della protezione

Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 6

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

si articola in due paragrafi distinti, il primo relativo al falso CMI e il secondo alla rimozione o alterazione del CMI. La sottosezione (a) vieta la fornitura o la distribuzione consapevole di false CMI, se fatto con l'intento di indurre, consentire, facilitare o nascondere la violazione. La sottosezione (b) vieta la rimozione o l'alterazione intenzionale di CMI senza autorizzazione, nonché la diffusione di CMI o copie di opere, sapendo che la CMI è stata rimossa o alterata senza autorizzazione. La responsabilità ai sensi della sottosezione (b) richiede che l'atto sia compiuto con cognizione di causa o, per quanto riguarda i rimedi civili, con ragionevoli motivi per sapere che indurrà, consentirà, faciliterà o occulterà una violazione.

La sottosezione (c) definisce CMI come informazioni identificative sull'opera, l'autore, il proprietario del copyright e, in alcuni casi, l'esecutore, lo scrittore o il regista dell'opera, nonché i termini e le condizioni per l'utilizzo dell'opera, e così via. altre informazioni che il Registro dei diritti d'autore può prescrivere per regolamento. Le informazioni riguardanti gli utenti delle opere sono esplicitamente escluse.

La sezione 1202 è soggetta a un'esenzione generale per le attività di contrasto, intelligence e altre attività governative. (Sezione 1202 (d)). Contiene inoltre limitazioni alla responsabilità delle stazioni di trasmissione e dei sistemi via cavo per la rimozione o l'alterazione di CMI in determinate circostanze in cui non vi è alcuna intenzione di indurre, consentire, facilitare o nascondere una violazione. (Sezione 1202 (e)).

Rimedi

Qualsiasi persona ferita da una violazione della sezione 1201 o 1202 può intentare un'azione civile dinanzi al tribunale federale. La sezione 1203 conferisce ai tribunali il potere di concedere una serie di rimedi equi e monetari simili a quelli disponibili ai sensi del Copyright Act, inclusi i danni legali. Il tribunale ha la facoltà di ridurre o rimettere i danni in caso di violazioni innocenti, laddove il trasgressore dimostri di non essere a conoscenza e non aveva motivo di ritenere che i suoi atti costituissero una violazione. (Sezione 1203 (c) (5) (A)). Una protezione speciale è data alle biblioteche, agli archivi e alle istituzioni educative senza scopo di lucro, che hanno diritto a una completa remissione dei danni in queste circostanze. (Sezione 1203 (c) (5) (B)).

Inoltre, è un reato violare la sezione 1201 o 1202 intenzionalmente e per scopi di vantaggio commerciale o guadagno finanziario privato. Secondo la sezione 1204 le sanzioni vanno fino a una multa di $ 500.000 o fino a cinque anni di reclusione per un primo reato e fino a una multa di $ 1.000.000 o fino a 10 anni di reclusione per reati successivi. Le biblioteche, gli archivi e le istituzioni educative senza scopo di lucro sono completamente esenti da responsabilità penale. (Sezione 1204 (b)).

Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 7

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

Copyright Office e studi NTIA relativi allo sviluppo tecnologico

Il titolo I del DMCA richiede al Copyright Office di condurre due studi congiuntamente con NTIA, uno che si occupa di crittografia e l'altro con l'effetto degli sviluppi tecnologici su due eccezioni esistenti nel Copyright Act. La nuova sezione 1201 (g) (5) del titolo 17 del codice degli Stati Uniti richiede che il Register of Copyrights e il Assistant Secretary of Commerce for Communications and Information riferiscano al Congresso entro e non oltre un anno dalla promulgazione sull'effetto che l'esenzione per la ricerca sulla crittografia (nuova sezione 1201 (g)) ha riguardato la ricerca sulla crittografia, lo sviluppo della tecnologia di crittografia, l'adeguatezza e l'efficacia delle misure tecnologiche progettate per proteggere le opere protette da copyright e la protezione dei titolari dei diritti d'autore dall'accesso non autorizzato alle loro opere crittografate protette da copyright.

La sezione 104 del DMCA richiede che il Register of Copyrights e il Assistant Secretary of Commerce for Communications and Information valutino congiuntamente (1) gli effetti del titolo I del DMCA e lo sviluppo del commercio elettronico e della tecnologia associata sul funzionamento delle sezioni 109 ( dottrina della prima vendita) e 117 (esenzione che consente ai proprietari di copie di programmi per computer di riprodurle e adattarle per l'uso su un computer) e (2) il rapporto tra tecnologia esistente ed emergente e il funzionamento di tali sezioni. Questo studio è dovuto 24 mesi dopo la data di promulgazione del DMCA.

T ITLE II: O NLINE C OPYRIGHT io NFRINGEMENT L IABILITÀ L IMITAZIONE

Il titolo II del DMCA aggiunge una nuova sezione 512 al Copyright Act 3 creare quattro nuove limitazioni alla responsabilità per violazione del copyright da parte dei fornitori di servizi in linea. Le limitazioni si basano sulle seguenti quattro categorie di condotta da parte di un fornitore di servizi:

  1. Comunicazioni transitorie;

  2. Cache di sistema;

  3. Archiviazione di informazioni su sistemi o reti su indicazione degli utenti;

    e

  4. Strumenti di localizzazione delle informazioni.

La nuova sezione 512 include anche regole speciali riguardanti l'applicazione di queste limitazioni alle istituzioni educative senza scopo di lucro.

3 The Fairness in Musical Licensing Act, Titolo II di Pub. L. No. 105-298, 112 Stat. 2827, 2830-34 (27 ottobre 1998) aggiunge anche una nuova sezione 512 al Copyright Act. Questa duplicazione dei numeri di sezione dovrà essere corretta in un disegno di legge di modifiche tecniche.

Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 8

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

Ciascuna limitazione comporta una limitazione completa dei danni monetari e limita la disponibilità di provvedimenti ingiuntivi sotto vari aspetti. (Sezione 512 (j)). Ciascuna limitazione si riferisce a una funzione separata e distinta e la determinazione dell'idoneità di un prestatore di servizi per una delle limitazioni non influisce sulla determinazione dell'idoneità del prestatore a qualcuna delle altre tre. (Sezione 512 (n)).

L'incapacità di un fornitore di servizi di qualificarsi per una qualsiasi delle limitazioni nella sezione 512 non lo rende necessariamente responsabile per la violazione del copyright. Il titolare del copyright deve comunque dimostrare che il fornitore ha violato e il fornitore può comunque avvalersi di una qualsiasi delle difese, come il fair use, che sono generalmente disponibili per gli imputati del copyright. (Sezione 512 (l)).

Oltre a limitare la responsabilità dei fornitori di servizi, il titolo II stabilisce una procedura mediante la quale un titolare del diritto d'autore può ottenere un mandato di comparizione da un tribunale federale che ordina a un fornitore di servizi di rivelare l'identità di un abbonato che è presumibilmente impegnato in attività di violazione. (Sezione 512 (h)).

La sezione 512 contiene anche una disposizione per garantire che i fornitori di servizi non siano messi nella posizione di scegliere tra limitazioni di responsabilità da un lato e preservare la privacy dei loro abbonati, dall'altro. La sottosezione (m) afferma esplicitamente che nulla nella sezione 512 richiede a un fornitore di servizi di monitorare il proprio servizio o accedere a materiale in violazione della legge (come l'Electronic Communications Privacy Act) al fine di poter beneficiare di una qualsiasi delle limitazioni di responsabilità.

Idoneità per le limitazioni in generale

Una parte che desidera beneficiare delle limitazioni di responsabilità di cui al titolo II deve qualificarsi come "fornitore di servizi". Ai fini della prima limitazione, relativa alle comunicazioni transitorie, "fornitore di servizi" è definito nella sezione 512 (k) (1) (A) come "un'entità che offre la trasmissione, l'instradamento o la fornitura di connessioni per comunicazioni digitali online, tra o tra i punti specificati da un utente, di materiale a scelta dell'utente, senza modificare il contenuto del materiale assorbito non è stato ricevuto. " Ai fini delle altre tre limitazioni, "fornitore di servizi" è definito in modo più ampio nella sezione 512 (k) (l) (B) come "fornitore di servizi in linea o accesso alla rete, o l'operatore delle relative strutture".

Inoltre, per poter beneficiare di una qualsiasi delle limitazioni, un fornitore di servizi deve soddisfare due condizioni generali: (1) deve adottare e attuare ragionevolmente una politica per terminare in circostanze appropriate gli account degli abbonati recidivi; e (2) deve adattarsi e non interferire con le "misure tecniche standard". (Sezione 512 (i)). Le "misure tecniche standard" sono definite come misure che i titolari di copyright utilizzano per identificare o proteggere opere protette da copyright, che sono state sviluppate in base a un ampio consenso di proprietari di copyright e fornitori di servizi in un processo multi-industriale aperto, equo e volontario, sono disponibili per chiunque su

Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 9

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

termini ragionevoli non discriminatori e non impongono costi o oneri sostanziali ai fornitori di servizi.

Limitazione per comunicazioni transitorie

In termini generali, la sezione 512 (a) limita la responsabilità dei fornitori di servizi in circostanze in cui il fornitore agisce semplicemente come un condotto di dati, trasmettendo informazioni digitali da un punto su una rete a un altro su richiesta di qualcun altro. Questa limitazione copre atti di trasmissione, instradamento o fornitura di connessioni per le informazioni, nonché le copie intermedie e transitorie che vengono eseguite automaticamente durante il funzionamento di una rete.

Per poter beneficiare di questa limitazione, le attività del fornitore di servizi devono soddisfare le seguenti condizioni:

  • ! La trasmissione deve essere avviata da una persona diversa dal provider.

  • ! La trasmissione, l'instradamento, la fornitura di connessioni o la copia devono essere eseguite mediante un processo tecnico automatico senza selezione di

    materiale da parte del fornitore di servizi.

  • ! Il fornitore di servizi non deve determinare i destinatari del materiale.

  • ! Eventuali copie intermedie non devono essere normalmente accessibili a nessuno

    diversi dai destinatari previsti e non devono essere conservati più a lungo

    ragionevolmente necessario.

  • ! Il materiale deve essere trasmesso senza modifiche al suo contenuto.

    Limitazione per la cache di sistema

    La sezione 512 (b) limita la responsabilità dei fornitori di servizi per la pratica di conservare copie, per un periodo di tempo limitato, del materiale che è stato reso disponibile online da una persona diversa dal fornitore e quindi trasmesso a un abbonato sotto la sua direzione . Il fornitore di servizi conserva il materiale in modo che le richieste successive per lo stesso materiale possano essere soddisfatte trasmettendo la copia conservata, piuttosto che recuperando il materiale dalla fonte originale sulla rete.

    Il vantaggio di questa pratica è che riduce i requisiti di larghezza di banda del fornitore di servizi e riduce i tempi di attesa per le richieste successive per le stesse informazioni. D'altro canto, può comportare la consegna di informazioni scadute agli abbonati e può privare gli operatori del sito web di informazioni "hit" accurate - informazioni sul numero di richieste di materiale particolare su un sito web - da cui vengono spesso calcolate le entrate pubblicitarie. Per questo motivo, la persona che rende il materiale disponibile online può stabilire regole per aggiornarlo e può utilizzare mezzi tecnologici per tenere traccia del numero di "hit".

    Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 10

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

La limitazione si applica agli atti di custodia intermedia e temporanea, quando effettuati attraverso un procedimento tecnico automatico al fine di rendere il materiale disponibile agli abbonati che successivamente lo richiedano. È soggetto alle seguenti condizioni:

  • ! Il contenuto del materiale trattenuto non deve essere modificato.

  • ! Il fornitore deve rispettare le regole sul materiale "rinfrescante" - sostituire le copie conservate del materiale con materiale dalla posizione originale - quando specificato in conformità con

    protocollo di comunicazione dati standard del settore accettato.

  • ! Il fornitore non deve interferire con la tecnologia che restituisce le informazioni "hit" alla persona che ha pubblicato il materiale, se tale

    la tecnologia soddisfa determinati requisiti.

  • ! Il fornitore deve limitare l'accesso degli utenti al materiale in conformità con

    condizioni di accesso (es. protezione con password) imposte dalla persona

    chi ha pubblicato il materiale.

  • ! Qualsiasi materiale che è stato pubblicato senza l'autorizzazione del proprietario del copyright-

    deve essere rimosso o bloccato prontamente una volta che il fornitore di servizi è stato informato che è stato rimosso, bloccato o ordinato di essere rimosso o bloccato, nel sito di origine.

    Limitazione per le informazioni che risiedono su sistemi o reti sotto la direzione degli utenti

    La sezione 512 (c) limita la responsabilità dei fornitori di servizi per la violazione di materiale sui siti web (o altri archivi di informazioni) ospitati sui loro sistemi. Si applica alla memorizzazione sotto la direzione di un utente. Per poter beneficiare della limitazione, devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:

    • ! Il fornitore non deve avere il livello di conoscenza richiesto dell'attività illecita, come descritto di seguito.

    • ! Se il fornitore ha il diritto e la capacità di controllare l'attività illecita, non deve ricevere un vantaggio finanziario direttamente attribuibile all'attività illecita.

    • ! Dopo aver ricevuto un'adeguata notifica della presunta violazione, il fornitore deve rimuovere o bloccare rapidamente l'accesso al materiale.

      Inoltre, un fornitore di servizi deve aver presentato al Copyright Office una designazione di un agente per ricevere notifiche di presunta violazione. L'Ufficio fornisce un modulo suggerito allo scopo di designare un agente (http://www.loc.gov/copyright/onlinesp/) e mantiene un elenco di agenti sul sito web del Copyright Office (http://www.loc.gov / copyright / onlinesp / list /).

      Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 11

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

Secondo lo standard di conoscenza, un fornitore di servizi ha diritto alla limitazione di responsabilità solo se non ha una conoscenza effettiva della violazione, non è a conoscenza di fatti o circostanze da cui è evidente l'attività illecita, o dopo aver acquisito tale conoscenza o consapevolezza, risponde per rimuovere rapidamente il materiale o bloccarne l'accesso.

Lo statuto stabilisce anche le procedure per la corretta notifica e le regole per il suo effetto. (Sezione 512 (c) (3)). Nell'ambito della procedura di notifica e rimozione, un titolare di copyright presenta una notifica sotto pena di spergiuro, incluso un elenco di elementi specifici, all'agente designato del fornitore di servizi. Il mancato rispetto sostanziale dei requisiti di legge significa che la notifica non sarà considerata ai fini della determinazione del livello di conoscenza dei requisiti da parte del prestatore di servizi. Se, dopo aver ricevuto una notifica adeguata, il fornitore di servizi rimuove o blocca prontamente l'accesso al materiale identificato nella notifica, il fornitore è esonerato da responsabilità pecuniaria. Inoltre, il fornitore è protetto da qualsiasi responsabilità nei confronti di qualsiasi persona per reclami basati sulla sua rimozione del materiale. (Sezione 512 (g) (1)).

Al fine di proteggere dalla possibilità di notifiche errate o fraudolente, nella sezione 512 sono incorporate alcune garanzie. La sottosezione (g) (1) offre all'abbonato l'opportunità di rispondere alla notifica e alla rimozione presentando una contronotifica. Per poter beneficiare della protezione contro la responsabilità per il ritiro del materiale, il fornitore di servizi deve comunicare tempestivamente all'abbonato di aver rimosso o disabilitato l'accesso al materiale. Se l'abbonato presenta una contronotifica conforme ai requisiti di legge, inclusa una dichiarazione sotto pena di spergiuro che il materiale è stato rimosso o disabilitato per errore o errata identificazione, a meno che il titolare del copyright non presenti un'azione per ottenere un'ingiunzione del tribunale contro l'abbonato, il fornitore di servizi deve rimettere il materiale entro 10-14 giorni lavorativi dalla ricezione della contronotifica.

Sono previste sanzioni per la conoscenza di false dichiarazioni materiali in un avviso o in una contronotifica. Chiunque dichiari consapevolmente in modo errato che il materiale viola la violazione, o che è stato rimosso o bloccato per errore o errata identificazione, è responsabile per eventuali danni risultanti (inclusi costi e spese legali) sostenuti dal presunto autore della violazione, dal proprietario del copyright o dal suo licenziatario o fornitore di servizi. (Sezione 512 (f)).

Limitazione per gli strumenti di localizzazione delle informazioni

La sezione 512 (d) si riferisce a collegamenti ipertestuali, directory online, motori di ricerca e simili. Limita la responsabilità per gli atti di riferimento o collegamento degli utenti a un sito che contiene materiale in violazione utilizzando tali strumenti di localizzazione delle informazioni, se sono soddisfatte le seguenti condizioni:

Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 12

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

  • ! Il fornitore non deve avere il livello di conoscenza richiesto che il materiale sta violando. Lo standard di conoscenza è lo stesso del limite per le informazioni che risiedono su sistemi o reti.

  • ! Se il fornitore ha il diritto e la capacità di controllare l'attività illecita, il fornitore non deve ricevere un vantaggio finanziario direttamente attribuibile all'attività.

  • ! Dopo aver ricevuto una notifica di presunta violazione, il fornitore deve rimuovere o bloccare rapidamente l'accesso al materiale.

    Si tratta essenzialmente delle stesse condizioni che si applicano con la limitazione precedente, con alcune differenze nei requisiti di notifica. A tale limitazione si applicano le disposizioni che stabiliscono garanzie contro la possibilità di notifiche errate o fraudolente, come discusso in precedenza, nonché quelle che proteggono il fornitore da reclami basati sull'aver rimosso il materiale. (Sezioni 512 (f) - (g)).

    Regole speciali in materia di responsabilità delle istituzioni educative senza scopo di lucro

    La sezione 512 (e) determina quando le azioni o le conoscenze di un docente o di uno studente laureato dipendente che svolge una funzione di insegnamento o di ricerca possono influire sull'idoneità di un istituto di istruzione senza scopo di lucro per una delle quattro limitazioni di responsabilità. Per quanto riguarda le limitazioni per le comunicazioni transitorie o il caching del sistema, il docente o lo studente deve essere considerato una "persona diversa dal provider", in modo da evitare l'esclusione dell'istituto dall'idoneità. Quanto alle altre limitazioni, la conoscenza o la consapevolezza del docente o studente non sarà attribuita all'istituto. Devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:

    • ! le attività illecite del membro della facoltà o dello studente laureato non implicano la fornitura di accesso online a materiali del corso che erano stati richiesti o raccomandati negli ultimi tre anni;

    • ! l'istituzione non ha ricevuto più di due notifiche negli ultimi tre anni che il docente o il dottorando stava violando; e

    • ! l'istituto fornisce a tutti i suoi utenti materiale informativo che descrive e promuove il rispetto della legge sul diritto d'autore.

      T ITLE III: C OMPUTER M AINTENANCE O R EPAIR

      Il titolo III amplia l'esenzione esistente relativa ai programmi per computer nella sezione 117 del Copyright Act, che consente al proprietario di una copia di un programma di eseguire riproduzioni o adattamenti quando necessario per utilizzare il programma insieme a un computer. La modifica consente al proprietario o al locatario di un computer di creare o autorizzare la creazione di una copia di un programma per computer durante la manutenzione o la riparazione di tale computer. L'esenzione consente solo una copia che viene eseguita automaticamente all'attivazione di un computer e solo se il computer è già legalmente

      Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 13

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

contiene una copia autorizzata del programma. La nuova copia non può essere utilizzata in altro modo e deve essere distrutta immediatamente dopo il completamento della manutenzione o della riparazione.

T ITLE IV: M ISCELLANEO P ROVISIONI
Chiarimento dell'autorità del Copyright Office

La sezione 401 (b), aggiunge un linguaggio alla sezione 701 del Copyright Act, confermando l'autorità del Copyright Office di continuare a svolgere la politica e le funzioni internazionali che ha svolto per decenni sotto la sua autorità generale esistente.

Registrazioni effimere per emittenti

La sezione 112 del Copyright Act concede un'esenzione per la realizzazione di "registrazioni effimere". Si tratta di registrazioni effettuate per facilitare una trasmissione. In base a questa esenzione, ad esempio, una stazione radio può registrare una serie di brani e trasmetterla dalla nuova registrazione anziché dai CD originali (che dovrebbero essere modificati "al volo" nel corso di una trasmissione).

Come esisteva prima della promulgazione del DMCA, la sezione 112 consentiva a un'organizzazione trasmittente di creare e conservare per un massimo di sei mesi (da cui il termine "effimero") non più di una copia di un'opera se aveva il diritto di trasmettere un'esibizione pubblica o l'esposizione dell'opera, su licenza o in virtù del fatto che non vi è alcun diritto di esecuzione pubblica generale nelle registrazioni sonore (a differenza delle opere musicali).

Il Digital Performance Right in Sound Recordings Act del 1995 (DPRA) ha creato, per la prima volta nella legge sul copyright degli Stati Uniti, un diritto di esecuzione pubblica limitato nelle registrazioni audio. Il diritto copre solo le esibizioni pubbliche mediante trasmissione digitale ed è soggetto a un'esenzione per le trasmissioni digitali (cioè, le trasmissioni da stazioni di trasmissione terrestri autorizzate dalla FCC) e una licenza legale per alcune trasmissioni in abbonamento che non sono effettuate su richiesta (cioè in risposta a la specifica richiesta di un destinatario).

La sezione 402 del DMCA amplia l'esenzione della sezione 112 per includere le registrazioni effettuate per facilitare la trasmissione digitale di una registrazione audio in cui la trasmissione è effettuata in base all'esenzione della DPRA per le trasmissioni digitali o alla licenza legale. Come modificato, la sezione 112 consente anche in alcune circostanze l'elusione delle tecnologie di controllo dell'accesso al fine di consentire a un'organizzazione di effettuare una registrazione temporanea.

Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 14

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

Studio di istruzione a distanza

Nel corso dell'esame del DMCA, i legislatori hanno espresso interesse a modificare il Copyright Act per promuovere l'istruzione a distanza, possibilmente attraverso un'espansione dell'eccezione esistente per la trasmissione didattica nella sezione 110 (2). La sezione 403 del DMCA ordina al Copyright Office di consultarsi con le parti interessate e di formulare raccomandazioni al Congresso su come promuovere l'istruzione a distanza attraverso le tecnologie digitali. L'Ufficio deve riferire al Congresso entro sei mesi dall'entrata in vigore.

Il Copyright Office è invitato a considerare i seguenti problemi:

  • ! La necessità di una nuova esenzione;

  • ! Categorie di lavori da includere in eventuali esenzioni;

  • ! Adeguate limitazioni quantitative sulle porzioni di opere che possono

    essere utilizzato in base a qualsiasi esenzione;

  • ! Quali parti dovrebbero essere ammissibili per qualsiasi esenzione;

  • ! Quali parti dovrebbero essere destinatari idonei dell'istruzione a distanza

    materiale soggetto a qualsiasi esenzione;

  • ! La misura in cui dovrebbe utilizzare le misure tecnologiche di protezione

    essere obbligato come condizione di ammissibilità per qualsiasi esenzione;

  • ! La misura in cui dovrebbe essere considerata la disponibilità delle licenze

    valutare l'idoneità a qualsiasi esenzione; e

  • ! Altre questioni appropriate.

    Esenzione per biblioteche e archivi senza scopo di lucro

    La sezione 404 del DMCA modifica l'esenzione per le biblioteche e gli archivi senza scopo di lucro nella sezione 108 del Copyright Act per accogliere le tecnologie digitali e le pratiche di conservazione in evoluzione. Prima della promulgazione del DMCA, la sezione 108 consentiva a tali biblioteche e archivi di fare una singola copia facsimile (cioè non digitale) di un'opera a scopo di conservazione o prestito interbibliotecario. Come modificato, la sezione 108 consente fino a tre copie, che possono essere digitali, a condizione che le copie digitali non siano rese disponibili al pubblico al di fuori dei locali della biblioteca. Inoltre, la sezione modificata consente a tale libreria o archivio di copiare un'opera in un nuovo formato se il formato originale diventa obsoleto, ovvero la macchina o il dispositivo utilizzato per rendere percepibile il lavoro non è più prodotto o non è più ragionevolmente disponibile nel mercato commerciale.

    Modifiche al webcasting al diritto di performance digitale nelle registrazioni audio

    Come discusso in precedenza, nel 1995 il Congresso ha promulgato il DPRA, creando una performance proprio nelle registrazioni audio che è limitata alle trasmissioni digitali. Sotto

    Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 15

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

tale legislazione, tre categorie di trasmissioni digitali sono state trattate: trasmissioni radiotelevisive, che erano esentate dal diritto di esecuzione; trasmissioni in abbonamento, generalmente soggette a licenza legale; e trasmissioni su richiesta, che erano soggette al pieno diritto esclusivo. Le trasmissioni di trasmissione nell'ambito del DPRA sono trasmissioni effettuate da stazioni di trasmissione terrestre con licenza FCC.

Negli ultimi anni, un certo numero di entità ha iniziato a effettuare trasmissioni digitali di registrazioni audio su Internet utilizzando tecnologie audio in streaming. Questa attività non rientra in nessuna delle tre categorie trattate nel DPRA. La sezione 405 del DMCA modifica la DPRA, espandendo la licenza legale per le trasmissioni in abbonamento per includere il webcasting come una nuova categoria di "trasmissioni non in abbonamento idonee".

Oltre ad espandere l'ambito della licenza legale, il DMCA rivede i criteri che qualsiasi entità deve soddisfare per poter beneficiare della licenza (diversi da quelli che sono soggetti a una clausola del nonno, lasciando intatti i criteri esistenti). Riesamina anche le considerazioni per la fissazione dei tassi (ancora una volta, soggetti a una clausola di nonno), ordinando ai collegi arbitrali convocati ai sensi di legge di fissare i tassi di royalty al valore equo di mercato.

Questa disposizione del DMCA crea anche una nuova licenza legale per effettuare registrazioni temporanee. Come indicato sopra, la sezione 402 del DMCA modifica la sezione 112 del Copyright Act per consentire la realizzazione di una singola registrazione temporanea per facilitare la trasmissione digitale della registrazione del suono che è consentita dall'esenzione di trasmissione della DPRA o dalla licenza legale. Le organizzazioni di trasmissione che desiderano effettuare più della singola registrazione temporanea di una registrazione audio consentita dall'esenzione definitiva nella sezione 112 possono ora beneficiare di una licenza legale per effettuare tali registrazioni temporanee aggiuntive. Inoltre, la nuova licenza legale si applica alla realizzazione di registrazioni temporanee da parte di organizzazioni di trasmissione diverse dalle emittenti che sono esenti dal diritto di prestazione digitale, che non sono coperte dall'esenzione estesa nella sezione 402 del DMCA.

Assunzione di obblighi contrattuali in caso di trasferimento di diritti in Motion Pictures

La sezione 416 affronta le preoccupazioni circa la capacità di scrittori, registi e attori dello schermo di ottenere pagamenti residui per lo sfruttamento di film in situazioni in cui il produttore non è più in grado di effettuare questi pagamenti. Gli accordi di contrattazione collettiva delle corporazioni attualmente richiedono ai produttori di ottenere accordi di assunzione dai distributori in determinate circostanze, con i quali il distributore si assume l'obbligo del produttore di effettuare tali pagamenti residui. A quanto pare, alcune società di produzione non lo fanno sempre, lasciando le corporazioni senza privazioni contrattuali che consentono loro di ricorrere al distributore.

Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 16

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

Il DMCA aggiunge un nuovo capitolo al titolo 28 del codice statunitense che impone ai cessionari gli obblighi di effettuare pagamenti residui che il produttore sarebbe tenuto a far assumere al cessionario ai sensi del contratto collettivo di contrattazione pertinente. Gli obblighi si applicano solo se il distributore sapeva o aveva motivo di sapere che il film è stato prodotto in base a un contratto collettivo di lavoro, o in caso di ordinanza del tribunale che conferma un lodo arbitrale ai sensi del contratto collettivo di lavoro che il produttore non può soddisfare entro novanta giorni. Esistono due classi di trasferimenti che sono escluse dall'ambito di applicazione di questa disposizione. Il primo riguarda i trasferimenti limitati ai diritti di esecuzione pubblica, e il secondo è la concessione di interessi di sicurezza, insieme a qualsiasi trasferimento successivo dal detentore di interessi di sicurezza.

La disposizione indirizza inoltre il Comptroller General, in consultazione con il Register of Copyrights, a condurre uno studio sulle condizioni nell'industria cinematografica che ha dato origine a questa disposizione e sull'impatto della disposizione sull'industria. Lo studio è previsto a due anni dalla promulgazione.

T ITLE V: P ROTAZIONE DI C ERTAIN O RIGINALE D ESEGNI

Il titolo V del DMCA, intitolato Vessel Hull Design Protection Act (VHDPA), aggiunge un nuovo capitolo 13 al titolo 17 del codice USA. Crea un sistema per proteggere i design originali di alcuni articoli utili che rendono l'articolo attraente o distintivo nell'aspetto. Ai fini del VHDPA, gli "articoli utili" sono limitati agli scafi (compresi i ponti) delle navi non più lunghe di 200 piedi.

Un progetto è protetto dal VHDPA non appena viene pubblicato un articolo utile che incorpora il segno del marchio. La protezione viene soppressa se una domanda di registrazione non viene presentata entro due anni dalla prima pubblicazione di un disegno o modello, ma un disegno o modello non è registrabile se è stato reso pubblico più di un anno prima della data della domanda di registrazione. Una volta registrato, la protezione continua per dieci anni dalla data di inizio della protezione.

Il VHDPA è soggetto a una scadenza legislativa: la legge scade due anni dalla promulgazione (28 ottobre 2000). Il Copyright Office è incaricato di condurre due studi congiunti con l'Ufficio brevetti e marchi, il primo entro il 28 ottobre 1999 e il secondo entro il 28 ottobre 2000, valutando l'impatto del VHDPA.

E FFECTIVE D ATES

La maggior parte delle disposizioni del DMCA entrano in vigore dalla data di promulgazione. Esistono, tuttavia, diverse eccezioni. Le modifiche tecniche al titolo I che riguardano l'ammissibilità delle opere per la protezione ai sensi della legge sul diritto d'autore degli Stati Uniti in virtù dei nuovi trattati dell'OMPI non avranno effetto fino all'entrata in vigore del trattato pertinente. Allo stesso modo, il ripristino della protezione del diritto d'autore per tali opere non diventa effettivo fino all'entrata in vigore del trattato pertinente. Il divieto di atto di elusione dell'accesso

Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 17

Il Digital Millennium Copyright Act del 1998

le misure di controllo non entrano in vigore fino a due anni dall'entrata in vigore (28 ottobre 2000).

F

Copyright Office Summary Dicembre 1998 Pagina 18

https://connectionjewelry.com/collections/smart-life-living-fiine

tag: